The Drowning Season: Devil down the trail of strange sacrifice

0
Condividi:

thedrowningseason

The Drowning Season tracciano una linea che parte da The Sisters of Mercy/The Mission per giungere ai… Funhouse, passando per l’Ohio dei The Wake e la California dei Prophetess e di tutti quegli insiemi che diedero il via alla corrente dell’american gothic, assemblando una release interessante, anche se la percentuale di originalità è prossima allo zero. Mi sono imbattuto in loro quasi per caso, su bandcamp, ero alla ricerca di un altro gruppo (finlandese!) ed eccomi di nuovo, virtualmente, negli States, donde provengono pure gli interessanti Shadowhouse, anche se nei TDS la componente tipicamente rock è decisamente più marcata. Devil down the trail of strange sacrifice non intende però limitarsi ad onorare un’epoca di gloria trascorsa, bensì intende riprendere dal passato una formula che ha ancora, nel duemilaesedici che stiamo percorrendo, un senso compiuto. Matt Slowikowski canta con ardore, certo che l’ingombrante presenza di Eldritch e di Hussey non lo agevola di certo, può comunque farsi interprete di cinque canzoni davvero valide, sia se trattasi di veloci interpretazioni del verbo goth come “Strange” (traccia a-la Vendemmian caratterizzata da chitarre sbarazzine il ritmo forsennato delle quali viene spezzato da indovinati inserti di tastiere), cadenzati epici come l’opener “Trail of blood” che motivi più compassati (“Sacrifice”). Trattandosi di una prima assoluta, l’esame viene superato in scioltezza dal combo di Baltimora; mi attendo ora una prova più estesa che possa meglio evidenziare le loro qualità.

 

Condividi:

Lascia un commento

*

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.