Lordi: Monstereophonic (Theaterror vs. Demonarchy)

0
Condividi:

lordimonstereophonic

Mr. Lordi conosce bene i gusti del suo pubblico, non per nulla lo intrattiene dal 1993 ed ha pure affrontato da vincitore il palco dell’Eurofestival come se si trattasse della data di uno a caso dei suoi tour. Sa cosa vuole da lui, e da maestro gigione quale è gli fornisce materia prima senza risparmiarsi. Eccoci così dinanzi alla (prevista) impressionante trafila di inni (il trio iniziale composto da “Let’s go Slaughter-He man”/”Hug you hardcore”/”Down with the devil” è micidiale) perfettamente imbastiti dalla combriccola finnica, tagliati (ehm…) su misura per soddisfare le voglie insane di una platea ormai abituata all’anthem facile-facile da mandare a memoria senza troppa fatica. Frattaglie horror-heavy-metal che a volte sconfina nel class, tanto che in “Mary is dead” sembra a tratti di udire i Winger ovvero i Firehouse che suonano al party di Halloween organizzato dal cuginetto. Ma anche se alla fine la brodaglia è sempre la stessa, almeno l’obiettivo viene colto, ci si diverte ed ogni brano è ben congegnato, con le tastiere di Hella che si ritagliano un ruolo importante, sostenendo il complesso e donando al disco un peculiare tocco pomp (“None for one”); poi, scorrendo la track-list (corposa, quattordici tracce comprendendo le due porzioni “SCG8” e”SCG VIII”) ci si imbatte in altri titoli pesanti (come consistenza) quali “The unholy gathering”, “And the zombie says” e “Break of dawn”, fino alla fine sancita dall’ottima “The night the monsters died”, canzone dall’inizio introspettivo che poi sfocia in un seguito più movimentato, ed epilogo migliore non potevano architettarlo. Quanto a lungo Monstereophonic (Theaterror vs. Demonarchy) sosterà nel nostro lettore CD? Dai, almeno sino alla notte di Ognissanti…

Per informazioni: http://www.afm-records.de
Web: http://www.lordi.org
TagsLordi
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.