Dull Company Myself: Wright of Vacuum [EP]

0
Condividi:

Dull company myself è uno one man project, che ci propone un ep di quattro pezzi, disponibili sia su cassetta (che riceverete con una fanzine allegata) sia in digital download gratuito. Quella della micro label Lady Sometimes è una scelta coraggiosa che a mio avviso concilia il desiderio di ogni artista di far ascoltare ed amare la sua musica con il desiderio di lasciare una traccia fisica delle proprie opere nelle mani di chi lo desidera.
La musica di Dull Company Myself è di chiara matrice post punk, di cui rispetta tutti i canoni, sia nelle sonorità sia nell’approccio esistenzialista dei testi.

“Language” ha una bassline energica, rabbiosa e degli interessanti giochi di chitarra e tastiera minimale: il canto spazia dalla melodia a momenti più intensi in cui esplode in un urlo.
“Life and faith” ha un approccio più intimista e dei riverberi che ricordano i Cure dei tempi migliori: anche la voce è filtrata dal riverbero, che la rende più remota ed impalpabile.
“I’ll probably wait” ha la batteria e il basso in primo piano, con accordi di chitarra sincopati nel background; in questo brano la voce è piena di pathos, che lascia intuire la sincerità e la profondità da cui nasce questo pezzo (e tutto l’ep).
“A look for a lack” ha un suono più lento e minimal che affonda le radici negli ’80, con una voce in bilico tra cantato e declamazione.

Wright of vacuum è un lavoro promettente, che merita un ascolto e ci lascia in attesa di un album full-length da parte di questo artista.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.