Simon Balestrazzi: Early Recordings

0
Condividi:

Simon Balestrazzi è una delle figure chiave della musica industrial italiana. Con i grandi T.A.C. ha pubblicato dischi di indubbio valore come Ouvrez Vos Auditifs Canaux, Hypnotischer Eden, La Nouvelle Art du Deuil e Apotropaismo che, nel panorama internazionale del genere, non sfiguravano affatto ma, anzi, emergevano in virtù di un approccio filosofico e compositivo anticonformista e di un immaginario in cui confluivano gli insegnamenti delle avanguardie storiche. Dopo la fondamentale esperienza con i T.A.C., l’artista di Parma ha proseguito con grande impegno e dedizione lil suo percorso musicale attraverso vari progetti fra cui, tra gli altri, ricordo i Dream Weapon Ritual con Monica Serra, i Candor Chasma con Corrado Altieri e gli Hidden Reverse con Massimo Olla. Ora Balestrazzi ha deciso di recuperare le sue mitiche e mitologiche prime registrazione, composte fra il 1979 e il 1982. Era il periodo in cui l’industrial dele origine, per intenderci quello di Throbbing Gristle, SPK,  Cabaret Voltaire e Test Dept andava per la maggiore. Balestrazzi, con alle spalle un variegato e vasto background di ascolti, all’epoca era molto influenzato da questi suoni e tutto questo traspare chiaramente ascoltando le registrazioni di Early Recordings, che rappresentano un documento di fondamentale importanza per vedere da dove è partito  e capire così la sua evoluzione nel corso tempo. Le prime 5 tracce di Early Recordings fanno parte del leggendario Album Nero, un disco registrato fra il 1979 e il 1980 e così chiamato per la sua copertina tutta nera. All’epoca in Italia questo tipo di sonorità non erano certo molto conosciute. Possiamo ascoltare minimali loop abrasivi che fanno propria la lezione dei Throbbing Gristle e che evocano paesaggi cupi in cui è tangibile un senso di disagio esistenziale. Il materiale è stato realizzato con un equipaggiamento molto semplice ma, nonostante questo, le composizioni, pur grezze, mantengono ancora oggi una carica di energia e una vitalità uniche. Le altre 4 tracce sono state invece editate e rielaborate nei 2 anni successivi e si mantengono nello stesso solco di quelle di Album Nero. Early Recordings esce in un’elegante confezione digipack per la Azoth ed è disponibile su Bandcamp: https://azothrecordings.bandcamp.com/album/simon-balestrazzi-early-recordings-1979-1982.

 

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.