Laibach: Also Sprach Zarathustra

0
Condividi:

L’uscita di un nuovo disco dei Laibach è sempre un evento: nel corso della loro lunga carriera il gruppo sloveno ha sempre saputo cambiare la propria proposta musicale passando dall’industrial degli inizi – ben rappresentato da un disco come Nova Akropola -f ino alla rivisitazione in chiave marziale e sinfonica di brani dei Beatles in Let It Be – a suo modo un capolavoro – reinventando poi il proprio linguaggio in una sorta di elettronica futurista ala Kraftwerk – gruppo da loro stessi citato come influenza – come in Kapital e nel recente Spectre. La loro “visione” filosofica della societaà e il loro giocare con i miti e i riti del mondo occidentale ne hanno fatto sicuramente un gruppo di culto. Ora esce Also Sprach Zarathustra: si tratta, in realtà, di una colonna sonora che riprende musiche da loro composte per uno spettacolo teatrale del 2016 del regista Matjaž Berger. Non è sorprendente che i Laibach si siano confrontati con un autore controverso come Nietzsche il cui pensiero è stato adottato in passato sia dall’estrema destra, basti pensare al Nazismo, ma anche, negli anni della contestazione, dall’estrema sinistra. La sua idea della morte di Dio nell’epoca moderna ha avuto indubbiamente una grande presa su molti individui che criticavano la realtà in cui vivevano. La musica di  Also Sprach Zarathustra si discosta dal recente Spectre e si riallaccia al suono dei primi Laibach e anche a quello di un disco come Macbeth, non a caso anche quest’ultimo una colonna sonora. Si tratta di un lavoro particolare: la musica è minimale e claustrofobica e non è di impatto immediato. Tuttavia siamo di fronte a un lavoro interessante, forse un po’ frammentato, che conferma  tutto il valore dei Laibach. Le ambientazioni sono asettiche e post-industrial e non lontane da certa avanguardia contemporanea il che rende il disco poco fruibile in alcuni momenti. A mio avviso però  è superiore all’ultimo Spectre pur restando un’opera da contestualizzare. In ogni caso siamo di fronte a un nuovo stimolante capitolo che sicuramente i fans dei Laibach non si lasceranno scappare.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.