Rafal Kolacki: Ā’zan. Hearing Ethiopia

0
Condividi:

Rafal Kolacki è un artista che ha fatto del del “field recordings” una tecnica per esplorare la vita pulsante delle grandi metropoli esotiche. In passato aveva “catturato” gli umori orientali di una città come Istanbul. Questa volta – nel suo nuovo disco intitolato  – si concentra sull’attività frenetica di Addis Abbeba in Etiopia. Il suo approccio è profondo e il suo scopo è quello di riportare fedelmente l’atmosfera sonora ed ambientale di Addis Abeba, ricca di colori e suoni diversi ed esotici. Si tratta di una città multiculturale, sia dal punto di vista etnico che da quello religioso,con al suo interno una grande varietà di linguaggi e differenti forme di attività religiose. Ascoltare questo cd è una vera e propria esperienza “mistica”: la voce del Muezzin che prega nella solitudine della Moschea, contrapposta ai rumori del traffico, ci fa “vivere” e penetrare in un universo in cui convivono religione e vita prosaica. Ma c’è anche spazio per le canzoni del Cristianesimo – religione questa più diffusa nel paese – registrate direttamente in Chiesa. Ne emerge un quadro di una nazione tollerante che riesce a far convivere al suo interno differenti realtà culturali. Musicalmente l’ascolto, alla lunga, può essere un po’ monotono ma ciò non toglie un certo fascino a questa esperienza sonora. Si tratta di un cd da consigliare agli amanti delle sonorità etniche e a chi è, in generale, un curioso e un esploratore di proposte particolari. In ogni caso che segue l’ambient dovrebbe trovare il cd di suo gradimento. Tutte le tracce hanno i titoli scritti nel linguaggio tradizionale etipoe chiamato “ge’ez”. Edizione di 300 copie in ecopak a 3 pannelli. Disponibile su Bandcamp: https://zoharum.bandcamp.com/album/zan-hearing-ethiopia.

 

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.