Zola Jesus: Okovi: Additions

0
Condividi:

Zola Jesus pubblica in questi giorni un prezioso complemento da aggiungere al suo lavoro precedente. Poco di nuovo, poichè si tratta di quattro ‘b-sides’ che non avevano trovato spazio in Okovi e quattro remix di brani che, invece, vi erano presenti. Ma Okovi: Additions dimostra che l’ispirazione che, in questa fase della sua vita, anima Nika Roza Danilova è vivace e importante: le tracce inedite sono talmente belle che sarebbe stato un vero peccato fossero rimaste tali e, per i remix, Nika Roza si è avvalsa della collaborazione di personaggi di spicco del mondo della produzione musicale – e come avrebbe potuto essere altrimenti? – che hanno effettuato ‘riletture’ di innegabile efficacia di pezzi che, comunque, erano già straordinari in originale. Andando nello specifico: “Ash to Bone”, lenta e tristissima con un arrangiamento dominato da archi, nel remix di Johnny Jewel (che ben ricorderanno i fan dei Chromatics), acquisisce sostanza elettronica ed un ‘impianto’ ritmato; “Siphon”, che appariva gradevolmente melodica, viene ‘rivista’ dalla musicista americana Katie Gately in forma diversa, arricchita da un profluvio di suoni e voci mentre “Exhumed” viene palesemente trasformata nel remix di Randall Dunn e Aaron Weaver ove, in un sorprendente contesto di echi e rumori, la voce di Nika Roza sembra provenire da un altro luogo; “Soak”, infine, rimaneggiata da Joanne Pollock, ha il sapore di una sfumata malinconia piuttosto che della rabbia. Qualche osservazione sui brani inediti: “Vacant” è forse il più sinistro con sonorità cupe e apocalittiche e cori vagamente spettrali abbinati al limpido canto; troviamo, poi, “Bound”, decisamente il più insolito per l’uso di rumorismi e dissonanze molto particolari e, subito dopo, “Pilot Light”, in cui le note struggenti di piano fanno eco al pathos della voce, mentre “Bitten Wool”, propone suoni amari e pervasi da un senso di decadenza che vanno diluendosi in un vago orizzonte. Okovi: Additions si rivela, dunque, un’integrazione necessaria della discografia di Zola Jesus e un’ulteriore fonte di godimento per tutti noi suoi fan.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.