Naxal Protocol: Anatomo-Pathology Of An Aborted Civilization

0
Condividi:

LUCE SIA  e Old Europa Café, 2 delle migliori realtà di riferimento per i seguaci della scena industrial italiana, rendono disponibile l’esordio del nuovo progetto solista di P/S denominato Naxal Protocol. P/S ha fatto parte, in passato, dei mitici CazzoDio – di cui ho recensito su Ver Sacrum una loro antologia retrospettiva, oltre ad aver collaborato al progetto giapponese dei CazzoKraft. Se avevate avuto modo di ascoltare i Cazzodio sapete cosa aspettarvi: le coordinate anti/estetiche di Cazzodio vengono qui riprese per celebrare il declino della civiltà occidentale anche se non ci sono riferimenti politici a pensatori  della destra radicale come Ludwig Klages o Julius Evola. In ogni caso, il senso di nichilismo “nietzschiano” che si respira ascoltando Anatomo-Pathology Of An Aborted Civilization, – questo il lungo titolo del disco -, è molto potente e ci lascia con una sensazione di vero sgomento esistenziale al termine dell’ascolto. In “Anatomo-Pathology Of An Aborted Civilization” si respira una tetra aria di desolazione e si ha la consapevolezza dell’aridità culturale a cui siamo giunti in quest’epoca oscura. Musicalmente siamo dalle parti, nel solco dei Cazzodio, di un power electronic abrasivo e senza compromessi. Le 8 tracce dell’album sono pervase da cupe rifrazioni analogiche, da loop circolari di suoni metallici e da pulsazioni elettroniche che creano atmosfere apocalittiche da fine del mondo. Per l’occasione troviamo anche la presenza come ospiti di ben 3 cantanti provenienti da gruppi corrosivi del death-industrial come Masahiko Okubo (Linekraft, CazzoKraft), Giovanni Mori (Le Cose Bianche) e The Vomit Arsonist. Il cd  esce in un’edizione digipack limitata a 300 copie e può essere ordinato presso il negozio online della Old Europa Café al seguente link (http://www.oldeuropacafe.com/en/catalog/category/anatomo-pathology-of-an-aborted-civilization.html) oppure presso LUCE SIA (https://www.facebook.com/pg/LuceSiaLabel/about/?ref=page_internal).

Condividi:

Lascia un commento

*