Una Stagione all’Inferno: Il mostro di Firenze

0
Condividi:

Le origini di Una Stagione all’Inferno risalgono al 1997 a Genova, citta’ da sempre storica e importante per quanto concerne il progressive sia negli anni ’70 sia attualmente. I membri fondatori furono Fabio Nicolazzo, proveniente dalla scena gotica genovese e Laura Menighetti – di estrazione clssica – a cui si aggiunse il grande Diego Banchero de Il Segno del Comando. Dopo una partecipazione alla mitica compilation E tu vivrai nel terrore… dedicato ai film horror italiani con una cover tratta dalla sigla dello sceneggiato L’amaro caso della Baronessa Carini. Fabio Nicolazzo e Laura Menighetti hanno rispolverato la sigla nel 2011: prende corpo cosi’ l’idea di realizzare un concept sul mostro di Firenze, tematica indubbiamente molto gotica e oscura che credo potrebbe interessare tutti quanti si sono appassionati alla vicenda all’epoca e ancora continuano a farlo. Non mi risulta fra l’altro ci siano stati altri dischi che hanno trattato il tema. Grazie anche alla presenza di nuovi validi membri e di una sezione d’archi il progetto finalmente si realizza ora. Le atmosfere che si respirano in Il mostro di Firenze sono quantomai a tinte fosche: le ambientazioni sono nel solco di un dark prog che puo’ ricordare le colonne sonore degli sceneggiati italiani anni ’70. L’amagalma fra i musicisti e’ ottimo e il tutto tende ad evocare ambientazioni malsane e piene di tensione. Si alternano momenti piu’ pacati come in “La ballata di Firenze” ad altri piu’ concitati e serrati come nella tenebrosa “Nella notte”. I titoli dei brani – come “Lettera anonima” “Interludio macabro”’ “Serial Killer Rock” e “Il dottore” – seguono lo svolgimento della tematica trattata con anche estratti di registrazioni tratte da telegiornali d’epoca. In “Lettera anonima” ci sento i Goblin mentre “Serial Killer Rock” e’ la traccia piu’ tirata e rock del disco con un riff di chitarra potente in evidenza. Nel complesso siamo di fronte a un buon disco che credo potrebbe interessare a molti vista anche la tematica trattata.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.