Goad: Landor

0
Condividi:

I Goad sono senza dubbio un gruppo che ha assunto, col tempo, uno status “di culto” paragonabile ad altri storici nomi italiani del dark prog italiano come Jacula e Devil Doll. La band fiorentina ha ormai alle spalle una carriera longeva: ha infatti iniziato la sua attività alla fine degli anni ’70 giungendo alla prima pubblicazione nel 1983 con Creatures. I Goad sono caratterizzati da un’attitudine oscura che li ha portati a pubblicare ben 2 tributi consacrati ad Edgar Allan Poe e H.P. Lovecraft, 2 scrittori molto amati il cui spirito aleggia in tutti i loro dischi. Il suono dei Goad è sicuramente particolare, dark, sporco e nebbioso, contraddistinto dalla splendida voce di Maurilio Rossi, molto personale e sofferta.

Ora esce un nuovo lavoro per l’ormai mitica Black Widow di Genova di Massimo Gasperini: si tratta di un doppio cd intitolato Landor in onore del poeta inglese – morto a Firenze nel 1864 – Walter Savage Landor e celebre per le sue Conversazioni immaginarie in cui fa dialogare personaggi come Girolamo Savonarola, Garibaldi e il Priore San Marco. Si conferma l’interesse verso personaggi sofferti e decadenti. Peraltro la copertina raffigura un cimitero di notte e ci introduce alle atmosfere fosche del disco. Landor si mantiene su ottimi livelli qualitativi confermando quanto già sapevamo dei Goad: troviamo ancora una volta le tipiche e particolari ambientazioni dark-prog ascoltate nella loro precedente produzione: siamo così di fronte a un suono sinfonico cupo e malato con qualche reminiscenza dei Van Der Graaf Generator. Si ha la vivida sensazione di penetrare in un bosco maledetto di notte verso una meta che ci porterà a un destino orribile e definitivo. Il pezzo forte è probabilmene la lunga “Where Are Sighs” di quasi 12 minuti ma tutto Landor mantiene, in ogni caso, lungo i suoi 50 minuti di durata, un’intensità unica e ipnotica. Il secondo cd è invece un disco dal vivo che celebra nuovamene Edgar Allan Poe riproponendo 6 tracce del tributo pubblicato nel 1994. Landor è, a suo modo, un disco imperdibile che conferma tutto l’alone di culto dei Goad.

TagsGoad
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.