Der Blutharsch And The Infinite Church Of The Leading Hand: Wish I Weren’t Here

0
Condividi:

Albin Julius continua imperterrito a pubblicare nuovi dischi con la nuova incarnazione dei Der Blutharsch. Esiste un prima e un dopo nella storia dei Der Blutharsch: la prima fase fu all’insegna di un rigoroso martial-industrial in cui seppero pubblicare dischi di notevole pregio come The Track Of The Hunted e Time Is Thee Enemy anche se, personalmente, ritengo che l’apice creativo sia stato raggiunto con le 2 collaborazioni con i Death In June in Take Care And Control e Operation Hummingbird. Dal 2011, anno dell’uscita di The Story About The Digging Of The Hole And The Hearing Of The Sounds From Hell è avvenuto il cambio di rotta. In realtà, già in un disco come The Philosopher’s Stone si potevano intuire, seppur in maniera confusa e abborracciata, le avvisaglie del mutamento.

Ora esce il nuovo Wish I Weren’t Here: la prima impressione è che i nuovi Blutharsch si stiano sempre più avventurando in territori liquidi e psichedelici. L’inizio della prima traccia “Evil” è lento e solenne: sembra di essere all’interno di un tempio mentre gli adepti di un culto dimenticato celebrano riti oscuri più antichi degli uomini. La musica è ossessiva e ripetitiva: il basso pulsante e le chitarre acide accompagnano il canto ieratico di Marthynna, sacerdotessa di questo rituale alieno. La successiva title-track è oscura e minimale: sembra di ascoltare dei Joy Division in acido. “All One” vira invece su sonorità space-rock e psichedeliche che potrebbero ricordare i primi Pink Floyd mentre “Make Me See The Light” è un brano molto rock e deciso. Quello dei Blutharsch attuali è un suono lisergico e primitivo: in alcuni momenti non c’è propria traccia del passato: è come se Albin Julius avesse fatto” tabula rasa”. Si riconosce un barlume dei vecchi tempi solo per una certa impetuosità e solennità tutta teutonica come nella travolgente “Forgotten”. La conclusiva “O Lord” chiude il cerchio con Marthynna sempre invasata al canto mentre la musica induce visioni acide.

Disponibile su Bandcamp: https://derblutharsch.bandcamp.com/album/wish-i-weren-t-here.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.