Dimensione Cosmica 4

0
Condividi:

Segnalo il quarto numero di Dimensione Cosmica: la rivista è diretta da Gianfranco De Turris e Adriano-Monti Buzzetti e sicuramente non dovrebbe mancare negli scaffali dei cultori di fantascienza e fantastico. De Turris introduce il fascicolo parlando di Ucronia ovvero di storia alternativa proprio in relazione ad un suo testo “ucronico” intitolato Scientifinzione: storia alternativa della fantascienza italiana. Il termine “scientifinzione”, in realtà, fu coniato dal compianto Ernesto Vegetti che, per celia, lo adottò immaginando De Turris e Fusco curatori di Urania. E proprio in suo ricordo De Turris scrive una storia alternativa della fantascienza italiana. Lo scritto mischia realtà e finzione in maniera magistrale. Di sicuro è esistito Armando Silvestri, scrittore e giornalista e direttore di vari periodici di aeronautica. Scientifinzione è davvero gustoso e divertente e immagina una letteratura di fantascienza autoctona durante il fascismo, tema caro all’autore. Un altro intervento interessante è quello di Errico Passaro su Ursula Le Guin: l’articolo si intitola, non a caso, Ursula K. Le Guin: fu vera gloria?. Passaro argomenta come questa scrittrice, a suo parere, sia stata sopravvalutata  da una certa critica di “sinistra”. Sicuramente qui si rischia di riattivare antiche polemiche per quanto concerne la fantascienza italiana: mi ricordo a proposito una lunga polemica su Robot, la celebre rivista diretta da Vittorio Curtoni. La Le Guin rimane comunque, a mio avviso, una buona scrittrice – le sue saghe fantasy sono ottime – ma, personalmente, non posso dimenticare il suo giudizio sprezzante e pieno di pregiudizi nei confronti di H.P. Lovecraft. Sempre restando in tema di fantascienza italiana va segnalato un toccante articolo in ricordo del grande Riccardo Valla, uno dei curatori e traduttori più validi della fantascienza italiana. Qui viene anche presentato nella veste inedita di scrittore con un’ucronia sullo stile di La svastica sul sole di Philip K. Dick. Davvero illuminante è poi l’intervento di Jean Chausse che analizza i possibili collegamenti fra la mitologia di Dumèzil e quella di Tolkien. Francesco Lo Manno prosegue poi l’analisi dei vari cicli del grande Clark Ashton Smith: questa volta è il turno di Poseidonis. Spazio anche alla letteratura fantastica italiana con una approfondita intervista ad Alessandro Manzetti, un nome certo non sconosciuto a chi segue la scena horror nostrana. Manzetti è uno dei pochi autori italiani ad avere una dimensione internazionale essendo pubblicato all’estero. Enrico Rulli ci parla invece con  competenza e passione di Jules Verne. Infine, come di consueto, ci sono diversi racconti di autoru italiani come Altomare, Antonioli, Di Giaimo, Pestriniero, Sgarbossa e von Turm. Disponibile sul sito di Edizioni Tabula Fati al seguente link: http://www.edizionitabulafati.it/dimensionecosmica4.htm.

Dimensione Cosmica – Rivista di letteratura dell’Immaginario – pagine 80 – Euro 8 – 2018

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.