The Shiver: The darkest hour (ristampa)

0
Condividi:

Vien da chiedersi perché un gruppo come The Shiver non ha “sfondato”. I numeri ci sono tutti, belle canzoni, ganci perfetti, arrangiamenti e melodie ricercati, il tutto calato in una ottica espositiva moderna, “americana”. La lezione dei Lacuna Coil, quelli partiti alla conquista degli U.S.A. e risultati infine vincitori. La costanza, la dedizione maniacale, i sacrifici. The darkest hour esce nella sua prima versione nel 2014, ed è il terzo disco per Federica “Faith” Sciamanna, Francesco “Finch” Russo, Vincenzo Lodolini e Michele Colantuoni (gli ultimi due poi fuoriusciti dal gruppo).

Bene ha fatto WormHoleDeath Records a ristampare questo disco, riservando ad esso la stessa, meritata attenzione posta in essere per “Adeline”, il più recente della loro carriera. Grafica, bonus-tracks (“Now I forget” e la cover di “Love will tear us apart) e soprattutto rinnovata visibilità. E se il confronto fra i due si risolve a favore dell’ultimo estratto, è evidente che la maturazione del complesso risulta da un processo ormai avviato e prossimo al consolidamento. Dopo le vivaci “Ocean” (apertura della quale è disponibile anche un estratto video) e “The key” sono “Little lonely boy” e sopra tutto “Forgotten soul” a disvelare l’anima intima ed intimista del quartetto; cercare ulteriori paragoni con altri illustri colleghi può rivelarsi gioco sterile, meglio concentrarsi su quanto espresso, “Into the darkest hour” mette sul piatto soluzioni interessanti, certo che non ci si può distogliere dalla vocalità catalizzatrice di Federica, ma non ci si deve distrarre, la formula è chiara e nota, traiamo vantaggio da quanto abbiamo ascoltato dopo The darkest hour potendo collocarlo in una casella ben definita. E’ un disco che prepara la band al passo successivo, quasi di transizione, se le idee appaiono non sempre a fuoco questo non deve rappresentare un punto a sfavore, tutt’altro. “The secret” (nella versione rigenerata che vede il featuring di Vinx dei Vanilla Sky) è episodio da sottolineare, ammiccante s’insinua sottopelle fino a raggiungere i recessi più reconditi della nostra anima. Operazione necessaria.

Tracklist:

  1. Ocean
  2. The Key
  3. Little Lonely Boy
  4. Forgotten Soul
  5. Bury
  6. The Secret (feat. Vinx/Vanilla Sky)
  7. Into The Darkest Hour
  8. Runaway
  9. Anything
  10. Over
  11. Now I Forget (bonus track)
  12. Love Will Tear Us Apart (bonus track – cover Joy Division)

 

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.