Lordi: Recordead Live – Sextourcism In Z7

0
Condividi:

Hanno assunto da anni lo status di gruppo “istituzionale”, essendo in attività dal 1993 ed avendo collezionato una più che discreta (!) serie di riconoscimenti. Eppoi dal vivo tengono fede alle aspettative anche del curioso che a loro si approccia magari solo per verificare di persona il potenziale del quale i finnici dispongono. Li vidi all’opera al Deposito Giordani di Pordenone, ove ora non si suona più, pur troppo; certo, non mancarono le imprecisioni e le necessarie pause per rifiatare (con quelle armature addosso!), e nemmeno ci risparmiarono la solita, trita retorica di “certo metal”. Ma ne valse la pena, ed il resoconto di quella serata potete rintracciarlo su queste stesse pagine. All’uscita incrociai proprio lui, Mr. Lordi in persona e travestimento, poveraccio, era scortato da un roadie che lo accompagnava, lo sosteneva, lo guidava con una torcia elettrica. Si muoveva come un pachiderma anziano, immaginarlo arringare la folla sul palco provocò in me un moto di tenerezza. Poi i ragazzi dei SinHeresy, che aprivano il concerto, confermarono che trattasi di persona squisita.

Ventisei anni di attività dalla demo “Napalm market”. Nove dischi di studio. Recordead Live – Sextourcism In Z7 è il loro primo live. Registrato a Pratteln, Svizzera, nella versione CD conta venti tracce, un essenziale compendio della loro carriera, start con “Sexorcism” (dall’omonimo, ultimo ad oggi, disco di studio, ben rappresentato contando diversi estratti) e chiusura con l’immancabile “Hard rock hallelujah”. Nel mezzo? Tutta la loro anthemica posa esibita con spavalderia, cori ed auto-compiacimento, come diciamo noi friulano “che e simpri che”, ma volete mettere? Questi sono i Lordi, questo è il loro terreno di caccia, nessuno è come loro! Chitarroni, le tastierone di Ms. Hella che ricopre un ruolo assai importante nell’economia del suono del quintetto, l’inossidabile sezione ritmica. E poi Lui, Mr. Lordi. Non solo costume, evidentemente, ma tanta arguzia applicata al marketing del metallo. Ma pure sostanza e dedizione, altrimenti non sarebbero ancora qui.

Recordead Live – Sextourcism In Z7 è disponibile in CD/DVD ed in doppio vinile.

PS: ho appena appreso dell’abbandono del bassista Mr. Ox, coi Lordi dal 2005. La sezione ritmica resta però inossidabile.

TagsLordi
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.