Deutsch Nepal: Staring at My Wall

0
Condividi:

Torna Deutsch Nepal, progetto dello svedese Peter Andersson, con un album eclettico e singolare che attesta ancora una volta l’inclinazione talentuosa e brillante di questo musicista in pista ormai da diverso tempo su vari fronti. Nelle otto tracce di Staring at My Wall ritroviamo infatti la tipica vena ambient abbinata a rumorismi industriali da incubo e a ritmi in stile marziale, spesso ripetitivi e ossessivi, che sembrano la colonna sonora di oscure e catastrofiche visioni fantascientifiche. Si tratta, quindi, di musica da ascoltare con la giusta disposizione, rinunciando alla ricerca del piacere immediato, che richiede concentrazione e non può certo fungere da semplice sottofondo. Notiamo queste caratteristiche fin dalla title track che apre l’album: l’esordio, quasi disturbante, unisce suoni duri apparentemente disarmonici che delineano immediatamente un’atmosfera angosciosa; il canto, che interviene dopo poco, si allinea al contesto con toni assai tormentati e il tutto prosegue per ben otto minuti di pura apocalisse. Il secondo brano, “To Mother”, inizia in modo altrettanto ‘minaccioso’ e opta per sonorità cupe ma meno aggressive, con derive ‘cosmiche’ di grande suggestione, mentre “How Low…” tratteggia un freddo quanto pregevole scenario ‘industriale’ e “Amphibian Shadow” è caratterizzata da una complessa struttura sperimentale basata sull’interazione fra rumorismi ripetitivi e un po’ ‘sconnessi’ e il canto ‘distante’; “Butterfly” si inoltra in territori anche più ardui con suoni inquietanti che, con i toni ‘rinvigoriti’ della voce, sembrano divergere dalla classica forma canzone. Delle ultime tracce, la lunga “Pasolini” appare fortemente oscura ma, al contempo, di grande intensità, con variazioni che spezzano la sua fondamentale ripetitività ma “Let Go and Slip Away”, anch’essa di notevole durata, spiazza al principio con sonorità più vivaci, vagamente ‘giocose’, per poi continuare in modalità più drastica dalla seconda metà, a concludere con innegabile originalità un disco valido e interessante.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.