Artcore Machine: Dubh

0
Condividi:

Il progetto Artcore Machine – o AM – fa parte dell’articolata scena post industriale italiana. Si tratta di un duo di Rovigo formato da Moreno Padoan e Roberto Beltrame. In realtà, rispetto a molti gruppi del genere electro-industrial e noise, gli Artcore Machine si caratterizzano per un’elettronica molto tecnologica e moderna. Il loro è un suono freddo, algido e spettrale che evoca il ghiaccio e scenari futuristi asettici come si può notare nel nuovo cd Dubh. Si tratta anche del loro disco d’addio – la loro discografia comprende anche Polybius, Polymixed e Lamina – e rappresenta così una sorta di testamento spirituale che esce in una “total black edition” con il cd colorato di nero. Non c’è un vero e proprio filo conduttore tuttavia le atmosfere tendono al “nero” e riescono a generare una tangibile sensazione di angoscia. Sembra musica composta in laboratorio, frutto di ricerche e sperimentazioni che mirano a scolpire uno stile innovativo e artificiale. Forse proprio l’eccessiva freddezza di queste composizioni è una delle critiche che si possono muovere a questo lavoro. Tuttavia non si può non sottolineare la voglia di creare ambientazioni dal retrogusto fantascientifico e “ballardiano”. Le sonorità sono liquide, glitch e post industrial ma non sono mai disturbanti. Lungo le 7 tracce di “Dubh” potrete inoltrarvi nei meandri di un’elettronica oscura e deviata che cela pulsioni di morte. Se amate gruppi storici come Cabaret Voltaire, Clock Dva, Test Dept, i Coil in acido di Love’s Secret Domain e gli Autechre questo disco però potrebbe fare per voi. Gli Artcore Machine sono l’esempio come anche in Italia ci sia un fermento sotterraneo per questo tipo di sonorità mutanti. Durante l’ascolto traspare la visione di un futuro distopico ed alienante dove sono cambiati i desideri e gli stessi sogni dell’uomo. Disponibile su Bandcamp: https://xonar.bandcamp.com/album/dubh?fbclid=IwAR2V95d7Iy2fLuNE_c3-0gnmUPzW_oSoQ1F-fvT1WkLp9EjzGPXq4U63rpw.

 

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.