Imago Mortis: Ossa Mortuorum e Monumentis Resurrectura

0
Condividi:

 

Gli Imago Mortis mostrano grande deferenza ed attenzione nei confronti delle Tradizioni della loro Terra, traendo da esse l’ispirazione e lo sprone che compenetrano le sei tracce che compongono Ossa mortuorum e monumentis resurrectura. Elemento non trascurabile che permette all’opera di distinguersi e di assumere una forma ben delineata e personale. La narrazione è resa ancor più efficace dall’uso della lingua bergamasca, dal latino e dall’italiano arcaico (“Horribile cose che ne’ boschi”), i testi sono elaborati in forma di autentico racconto e sono corredati da un apparato esplicativo che ne fa emergere l’irrinunziabile componente occulta che gli Imago Mortis sanno padroneggiare e mettere a frutto; tutto il complesso dell’opera, artwork compreso, sono volti a pungolare l’attenzione dell’ascoltatore. Il comparto orchestrale si avvale pure di strumenti tradizionali quali il tarlèk (ossa di animali utilizzate come nacchere) e del contrabbasso, i quali sostengono con i loro interventi quelli classici del genere, l’impasto sonoro è denso, non ostante trattasi di un trio mai si registrano vuoti, e su di esso ha buon giuoco il levarsi della voce di Abibial (che si intitola pure il basso). Classica l’esposizione di chitarra (Scighéra ne è il titolare) e della batteria di Axor, fra sfuriate e letali rallentamenti Ossa mortuorum e monumentis resurrectura incede con passo letale, circonfuso d’una aura maligna, disturbante. Se il black metal non concede distrazioni dai suoi consolidati canoni espositivi, è ben vero che, ricorrendo all’estro creativo, ad esso si possono apportare soluzioni se non innovative, certamente interessanti. L’artwork assai curato (booklet di dodici pagine corredato da splendide fotografie) e la produzione aderente ai codici classici del genere fanno risaltare le potenzialità espresse dal terzetto.  

Per informazioni: http://www.drakkar666.com
Web: http://facebook.com/imago.mortis.1994
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.