Ritorna il misterioso ed oscuro progetto MS Miroslaw proveniente dalla Sardegna. Per capire e penetrare l’universo di questa costola del collettivo Trasponsonic (un’altra sigla è quella di Hermetic Brotherhood Of Lux-Or) può essere di aiuto la presentazione della poetessa e filosofa ELISABETH S che parla “di segni, suoni e simboli, di culture differenti, di trame sonore misteriose, di canzoni animiste che svelano riti di guarigione che scavano nel grembo della madre terra”. Quella di MS Miroslaw è una ricerca antropologica che va alle origini dei miti delle culture dimenticate come quella nuragica. In questo nuovo lavoro intitolato The Aaage Of Warm Asylum la musica mantiene tutta le sue caratteristiche rituali attraverso l’uso di synth, percussioni, samples e fiati.

L’album MS Miroslaw diviso in 4 tracce ovvero “The Winter”, “The Spring”, “The Summer” e “The Fall”, quasi una sorta di concept sul ciclo delle stagioni. L’inizio MS Miroslaw ieratico, maestoso e cosmico con il suono circolare delle tastiere che viene accompagnato dal rimbombo dei tamburi. Poi le ambientazioni diventano più evanescenti e liquide: ascoltiamo voci misteriose proveniente da chissà quale dimensione temporale mentre il loop continua infinito. Ritornano quindi le percussioni ad accompagnarci in un viaggio allucinato che ci conduce alla presenza di antichi culti dimenticati ricongiungendoci con il Sacro. Il finale è molto intenso, selvaggio, mistico e sciamanico. Se ci si lascia coinvolgere è impossibile restare indifferenti. Musicalmente non siamo lontani da molte soluzioni del ritual-ambient. Non mancano i riferimenti musicali a culture del Sud est asiatico. Mi vengono in mente i paragoni con alcune cose dei Zoviet France e soprattutto con Rapoon (il progetto di Robin Storey). Ma in ogni caso traspare una tensione sotterranea che è una cifra stilistica personale di MS Miroslaw e che rende la sua musica particolare. Consigliato ai viaggiatori mentali.

Il cd si può ordinare sul sito della Trasponsonic al seguente link: http://www.trasponsonic.net/. Disponibile anche su youtube: https://www.youtube.com/watch?v=kdSz8pALyFk.