Paul Chain è uno degli artisti maledetti della nostra penisola. Fondatore, assieme a Steve Sylvester, dei mitici Death SS, ha poi intrapreso una carriera solista sorprendente nel solco di sonorità coraggiose e sperimentali. Al di là di qualsiasi vuota etichetta e sterile classificazione ci troviamo di fronte ad un grande artista. Un disco come Violet Art Of Improvisation è, a suo modo, un capolavoro ineguagliato di grande musica in cui confluiscono svariate influenze come doom, sperimentazione, psichedelia e Krautrock. Paul Chain è infatti un grande estimatore del prog italiano anni ’70 e, non a caso, è stato il produttore degli A Piedi Nudi, un gruppo che ha rinverdito i fasti del mitico Balletto di Bronzo. Il musicista di Pesaro è anche devoto al Krautrock e al suono degli Amon Duul II e del maestro della Musica Cosmica Klaus Schulze.

Ora la Minotauro Records di Pavia ristampa il mitico Opera Decima uscito, in origine, in un sontuoso cofanetto limitato che racchiudeva 3 Lp. Questa è una ristampa lussuosa in un cofanetto in pvc che racchiude un doppio cd. Si tratta di un omaggio all’elettronica tedesca degli anni ’70 e a Klaus Schulze . Opera Decima è dedicato a Johann Sebastian Bach. La prima traccia – “Dogma” lunga oltre 40 minuti, è un viaggio delirante e catartico nei meandri più oscuri della mente umana: è un autentico trip delirante con un organo malato e maligno in evidenza – non mancano i riferimenti a Irrlicht e Cyborg di Schulze – che fa fuoriuscire note che evocano una dimensione soprannaturale. Forse, se devo fare paragoni, mi viene in mente “Anno Demoni” degli Antonius Rex che però non si erano spinti a livelli così estremi. Con “The Face” entriamo in territori ancora più sperimentali e astratti. “Domino” sembra suonata in una chiesa sconsacrata da un prete pazzo che, dal pulpito, evoca i Grandi Antichi lovecraftiani: la musica è pacata ma, allo stesso tempo, minacciosa: la seconda parte è pura Cosmica tedesca. Ma tutto il resto del disco si mantiene sempre su livelli d’eccellenza fra pulsazioni provenienti dallo spazio profondo come in “Sickness Radio” e ritmiche minimali in “Get Down”. Chiude, omaggiando ancora i Corrieri Cosmici, l’elettronica di “In Days Of Snow”.

Opera Decima è un disco di culto, un lavoro monumentale e nero a suo modo unico e originale: si tratta di un manifesto di arte dark purissima e senza compromessi. Disponibile su Bandcamp e sul sito della Minotauro.

https://paulchain.bandcamp.com/album/opera-decima