ll lungo periodo della pandemia che dura ormai da oltre 2 anni ha giocoforza stimolato la creatività di molti artisti. Alcuni di loro si sono rinchiusi in se stessi e questo, in ambito di musica ambient, ha portato a un aumento della produzione musicale. Si tratta indubbiamente di un genere che si presta all’introspezione e, in questo senso, non è sorprendente che durante il lockdown siano stati composti alcuni interessanti lavori. Avevo parlato, in precedenza, dell’album di Spheric (Orlando Lostumbo) Music For Laboratories. Questa volta è il turno del prolifico musicista svedese Mathias Josefson aka MOLJEBKA PVLSE che ha sfruttato il tempo a disposizione usando il suo studio di registrazione come un luogo in cui registrare field recordings virtuali. Si tratta di un’opera di musica elettroacustica affascinante che stimola la mente dell’ascoltatore facendogli immaginare paesaggi immaginari e terre distanti nel tempo e nello spazio. L’album, intitolato Borrowed Scenery: Appearance, esce sia in formato cd sia in vinile. Quest’ultimo è strutturato in 3 lunghe composizioni e la sua uscita è prevista per la primavera mentre il cd EP contiene una traccia di oltre 20 minuti. Se amate i drones e le ambientazioni meditative in questo dischetto troverete sicuramente pane per i vostri denti. Si tratta di musica dalle atmosfere glaciali e, allo stesso tempo, oscure che riescono a creare un ascolto profondo che non lascia indifferenti. Sembra la colonna sonora perfetta per questi tempi oscuri che stiamo vivendo. Il cd esce in un’edizione limitata a 200 copie in formato 6” in una custodia apribile che contiene 2 cartoline. Disponibile su Bandcamp: https://zoharum.bandcamp.com/album/borrowed-scenery-appearance.