I Loop sono stati un gruppo seminale: la loro particolare formula sonora a base di chitarre ipnotiche, feedback e distorsione ha contribuito alla creazione dello shoegaze. Gli album Heaven’s Gate (1987), Fade Out (1988) e A Gilded Eternity (1990), quest’ultimo pietra tombale della loro attività musicale, hanno fatto scuola e, all’epoca, erano molto ben considerati dalla critica e dal pubblico. Nonostante Sonic Boom degli Spacemen 3 li avesse accusati di plagio in un’intervista (in realtà c’è solo qualche affinità con i primi Spacemen 3, quelli di Sound Of Confusion) i Loop hanno creato un sound originale (che rielaborava a suo modo la lezione degli Stooges, dei Can e della psichedelia) caratterizzato da un muro ossessivo e selvaggio di chitarre. Dopo la scissione del 1990 Robert Hampson ha dato vita (con il chitarrista Scott Dawson) al progetto dei Main che si inseriva a pieno titolo nel filone isolazionista e dark-ambient del periodo abbandonando le chitarre. Ora, dopo decenni di silenzio (se si eccettua e Ep e un paio di concerti), Robert Hampson, unico membro originale della band, ha deciso di rispolverare il glorioso nome dei Loop pubblicando un nuovo disco intitolato Sonancy. È sufficiente ascoltare la prima traccia “Interference” per capire come le coordinate sonore non siano affatto cambiate: si ha quasi l’impressione di fare un viaggio a ritroso nel tempo alla fine degli anni ‘80, quando ero in botta con il garage-punk, la psichedelia e il krautrock (i gruppi crucchi per la verità non li ho mai abbandonati). La prima parte di Sonancy si muove nello stesso solco come confermano le successive “Eolian” e “Supra”. La seconda parte si avventura invece in territori piu’ d’atmosfera: le ambientazioni sono più pacate come come nella solenne e lenta “Isochrone” e nella strumentale e ipnotica “Penumbra II” anche se non mancano episodi decisi e potenti come in “Halo”. Nel complesso siamo di fronte ad un buon album, sicuramente oscuro e magmatico che rinverdisce il culto dei Loop e rievoca i fasti dei vecchi tempi. Disponibile su Bandcamp: https://loopbandofficial.bandcamp.com/.