Andrea Bellucci e Sergio Calzoni manifestano una vivacità compositiva che non può non farci piacere (“The light inside, the dark outside” risale al maggio dello scorso anno, i “Droneworks” di Orghanon all’aprile), avendo avuto evidentemente più d’una occasione di valutarne le qualità di creatori e minuziosi curatori di paesaggi sonori di grande presa.  

Reflections from The Road trae ispirazione dal romanzo di Cormac Mc Carthy e sopra tutto dalla trasposizione su pellicola che ne fece John Hillcoat nel 2009. Dieci sono gli episodi che informano una trama dinamica, i due esperti musicisti evitano l’abbandono a facili soluzioni che ne banalizzerebbero lo svolgimento; in ogni episodio, ove la componente oscura, di latente pericolo, di stravolgimento imminente è sempre presente anche se non predominante, balugina un raggio di luce che si rifrange su una superficie di nera pece, conformandosi ed anticipando l’epilogo della novella ove McCarthy concede spazio alla speranza. Creare un suono statico, immobile, fissato in una lastra di selce avrebbe semplificato e banalizzato lo svolgimento, Calzoni e Bellucci rendono l’ordito sonoro più elaborato guidandoci in un dedalo di emozioni con gesto rassicurante (la copertina ritrae una coppia che cammina su una superficie apparentemente umida, la via o la piazza di una qualsiasi città, anche in questo gesto quasi quotidiano si svela “The road”). “The passage” dà il via alla lunga, penosa, difficile marcia. Dolore, paura, una grande determinazione che le ricaccia indietro, senza però riuscire a vincerle. Reflections from The Road va ascoltato, percorso passo dopo passo, immaginandone la fatica immane, cercando nei titoli che si succedono un indizio che ci prepari all’accadimento, al probabile verificarsi d’una tragedia ovvero di possibile un evento positivo. Il dubbio, l’aspettativa, da “In danger” e “Fate unveiled”, “New reality” e “Long way, new home”, avvolti dal grigio che non è mai buio, ma nemmeno luce. Fino alla chiusura di “Found in silence”. Nell’ambient, è anche il silenzio ad alimentare la forza evocativa dell’immagine/immaginazione. La complicità perfetta fra Autore ed Ascoltatore.  

 

Per informazioni: https://n5md.bandcamp.com/album/reflections-from-the-road
Web: https://iluiteq.bandcamp.com/album/reflections-from-the-road