Per molti, i Goad rappresentano un autentico oggetto di culto, una sorta di pellegrinaggio nel decadente mondo della loro musica. Una delle peculiarità intrinseche alla band è l’abilità di creare veri e propri concept basati su figure letterarie, un’ossessione che permea il loro percorso artistico.
In passato, questa affezione si è manifestata attraverso tributi a icone letterarie come Edgar Allan Poe (Tribute To Edgar Allan Poe – 1995 – Multipromo) e Howard Phillips Lovecraft (The Wood – Dedicated To H.P. Lovecraft – 2005 – Mellow Records). Purtroppo, l’omaggio a Lovecraft è stato penalizzato da una registrazione non all’altezza, ma l’audacia della loro esplorazione continua.
Il monumentale Landor è stato un viaggio attraverso le profondità della poesia di Walter Savage Landor, poeta inglese del XIX secolo. Morto a Firenze nel 1864, Landor è celebre per le sue Conversazioni immaginarie, dove personaggi come Girolamo Savonarola, Garibaldi e il Priore San Marco prendono vita.

In Titania, il nuovo lavoro dei Goad, persiste l’interesse per figure sofferte e decadenti, portando alla ribalta il Sogno di una notte di mezza estate di William Shakespeare e la travagliata storia d’amore e vendetta della regina delle fate Titania.
I versi struggenti del grandissimo poeta John Keats, autore di Ode su un’urna greca, vengono tessuti nella trama sonora di Titania. Maurilio Rossi, coadiuvato dal fratello Gianni Rossi, entrambi fondatori del gruppo, si avventura in questo viaggio decadente. La produzione, curata da Max Cirone, ha levigato leggermente il loro sound, senza però togliere nulla all’aura decadente dei Goad.
L’album si apre con “Upon A Hill”, avvolta dalle sonorità di un sontuoso organo stile Jacula, che stabilisce subito il tono oscuro e inquietante, seguendo la migliore tradizione della band. La seconda parte, dedicata ai sonetti di Keats con “Beauty Is Truth”, assume una pacatezza che, se confrontata con la prima, appare come una calma dopo la tempesta.

La prima edizione dell’album, arricchita da un CD live, offre un’esperienza aggiuntiva. Dodici brani, registrati a Genova nel 2006, presentano alcuni dei classici della band, rendendo questa edizione un’opportunità imperdibile per immergersi completamente nell’oscura magia dei Goad. Per chi desidera esplorare ulteriormente, l’album è disponibile su Bandcamp: https://goadprog.bandcamp.com/album/titania.