Categoria

Recensioni

Recensioni

My Mannequin: Jewels of misery

A tutti gli effetti possiamo considerare Jewels of misery il debutto vero e proprio dei My Mannequin, essendo trascorso un lustro dalla pubblicazione dell’allora acerbo ma già interessante mini “As daylight deceives”. Il presente mostra i segni di una evoluzione…

Vai all’articolo
Recensioni

In Tormentata Quiete: Krononota

Si rinnova la fortunata partnership tra il complesso bolognese e la My Kingdom Music, una comunione d’intenti e d’idee che non si può limitare all’esclusivo ambito musicale. Krononota segna la quarta stazione d’una discografia che ha consolidato uno stile proprio, teatrale…

Vai all’articolo
Recensioni

Empyrium: Über den Sternen

Gli Empyrium, eclettico gruppo bavarese formatosi negli anni ’90, di cui non abbiamo avuto, fino ad oggi, occasione di parlare, hanno di recente pubblicato il sesto lavoro Über den Sternen e, dopo averlo ascoltato, è stato inevitabile scegliere di segnalarlo….

Vai all’articolo
Recensioni

Bleib Modern: Afraid To Leave

È uscito quest’anno il quarto album del progetto tedesco Bleib Modern di Philipp Läufer, che qui su Ver Sacrum seguiamo da tempo con interesse. Come già si era detto parlando dei due precedenti Vale of Tears e Antagonism, i Bleib Modern…

Vai all’articolo
Recensioni

Nokti: Cockschmerzen

Ammetto la mia totale ignoranza sui Nokti, un gruppo di giovani musicisti proveniente da Zagabria. Per la verità anche le informazioni in rete sono quasi inesistenti. Nella loro pagina bandcamp c’è scritto solo che “Nokti are a group dedicated to…

Vai all’articolo
Recensioni

Hidden House: Inside the House

Hidden House è il progetto di due ragazzi milanesi palesemente innamorati del gothic rock che, in questo periodo così iellato per la musica e l’arte in generale, sono comunque riusciti a dare un senso compiuto alla loro passione, pubblicando il…

Vai all’articolo
Recensioni

Schröttersburg: Dalet

È uscito da poco il nuovo lavoro degli Schröttersburg, con sette brani inediti e, stavolta, non ci siamo fatti cogliere impreparati: Dalet è un album impegnativo, sia sul piano dei contenuti che su quello prettamente estetico e, rispetto a Melancholia….

Vai all’articolo