Tag

folk

Recensioni

Backworld – Come The Bells

Backworld è autore di uno degli album più belli di tutta la scena neofolk, quel classico immancabile che è Anthems From The Pleasure Park. Il problema è che a parte quel disco, ha realizzato poco o niente di altrettanto significativo….

Vai all’articolo
Recensioni

Alexander Tucker – Dorwytch

Aria di novità per Alexander Tucker. Spostarsi su una etichetta prestigiosa come Thrill Jockey ha fatto senza dubbio bene all’artista inglese, che tira fuori un nuovo album molto più accessibile rispetto al passato e un pugno di canzoni “vere”. La…

Vai all’articolo
Live Report

Marissa Nadler (con intervista)

Vuoi per via del maltempo che ha reso le strade poco praticabili, vuoi perché si tratta del terzo concerto in 3 giorni (subito dopo colossi come Shrinebuilders e NoMeansNo) oppure semplicemente per via di una scarsa promozione, ad attendere Marissa…

Vai all’articolo
Recensioni

The Hare And The Moon – The Grey Malkin

Secondo album per lo strano duo albionico, una tra le novità più interessanti del neofolk degli ultimi anni. La produzione sembra più elaborata e tutto il disco suona nettamente meglio rispetto all’esordio. L’inquietante nenia di “The Willow”, pescata da chissà…

Vai all’articolo
Recensioni

James Blackshaw – All Is Falling

Il nuovo album di James Blackshaw si presenta come un’unica suite divisa in otto parti e segna il definitivo distacco dal folk acustico dei primi album per concentrarsi su forme più neoclassiche, come già in parte era accaduto su The…

Vai all’articolo
Recensioni

Sieben – Star Wood Brick Firmament

Dopo un periodo di transizione per il prolifico Matt ecco puntuale come sempre il nuovo disco. Sono rimasto piuttosto spiazzato, perché tutto sommato è la continuazione di Desire Rites. Non mi aspettavo di certo cambiamenti radicali, ma neanche la stessa…

Vai all’articolo
Recensioni

The Owl Service – The View From A Hill

Dopo il bell’EP The Burn Comes Down mi aspettavo molto di più dall’album ufficiale dell’ensemble anglosassone, invece è un disco un po’ pesante e autocompiaciuto. Tanto per cominciare è la seconda parte della ambiziosa trilogia The Pattern Beneath The Plough,…

Vai all’articolo