Recensioni

helmynthe: Sklony otchayaniya

Sale d’attesa vuote. Luci al neon intermittenti. Angoli festonati da ragnatele fossili. Il tabellone degli arrivi e delle partenze, un orologio rimanda un rumore sordo che si perde nel vuoto della stanza. Orari che cambiano. Ombre sulla banchina, passi affrettati….

Vai all’articolo