Tag

shoegaze

Recensioni

Human Colonies: Cloudchaser and old songs

Quattro canzoni veloci veloci suonate con piglio sbarazzino dai tre Human Colonies (Giuseppe Mazzoni voci e chitarre, Sara Telesca basso e cori, Pietro Bonaiti batteria). Un inedito (la title-track), e tre rielaborazioni di brani già editi su demo, cascate shoegaze,…

Vai all’articolo
Recensioni

A.N.A.L.E. Vol. 1

Segnalo questa compilation della neonata etichetta livornese Blackash Records, specializzata nella divulgazione di sonorità ambient-industrial e noise con particolare attenzione a quella che è la scena locale che, a dispetto di quel che si può pensare e seppur in maniera…

Vai all’articolo
Recensioni

Vlimmer: XIII/XIIII

Dopo i due splendidi Ep XI e XII, Vlimmer torna con i capitoli XIII e XIIII, confermando quanto di buono fatto in precedenza e rafforzando notevolmente l’appeal di questo progetto estremamente longevo e attivo. Il trittico iniziale di XIII contiene…

Vai all’articolo
Recensioni

Flat125: Rain, steam and speed

Alla ricerca di un suono che bilanci perfettamente elettricità ed elettronica. Rain, steam and speed fa bella mostra di una grafia elegante, fra dream-pop, shoegaze e pure qualche sconfinamento nel brit (la decisa “Stalking”). La voce di Nicholas Izzi è…

Vai all’articolo
Recensioni

VLIMMER: X

Vlimmer è tornato il 4 maggio con X nuova tappa del progetto iniziato nel novembre del 2015. I 5 brani dell’Ep presentano coordinate sonore che non possono che essere care a chi segue l’opera di Alexander sin dall’inizio. Il trittico…

Vai all’articolo
Recensioni

AA.VV.: Chiaroscuro – Italogaze 2018

Ammetto che “italogaze” mi fa un certo effetto, indotto dalla assonanza con “italodisco”, al di là di questa considerazione meramente personale, il lieve senso di “disagio” provocato dal sottotitolo (per altro utilizzato or ami da alcuni anni) viene presto vinto…

Vai all’articolo
Recensioni

Vlimmer EP 8, EP 9

Con EP 8 ed EP 9 Vlimmer giunge a metà del traguardo della sua opera, quindi quale occasione migliore per tirare le somme di quanto è stato fatto fino ad ora? EP 8 nello specifico sembra proprio nato con l’intento…

Vai all’articolo
Recensioni

Blankenberge: Radiogaze

  Il rientro sulle scene di My Bloody Valentine, Ride e Slowdive ha restituito la giusta visibilità alla galassia shoegaze che, pur se dai margini estremi dell’universo indie, non ha mai smesso di pulsare. I “nostri” ed ottimi Clustersun ne…

Vai all’articolo
Recensioni

VV.AA.: Just for a day, a homage to Slowdive

Aggancio fornito dalla partecipazione a questa corposa compilation dei nostri beniamini Clustersun, presenti con una splendida versione della classica “Morningrise”, e conseguente approfondimento del curioso Hadrianus che ha portato allo ritrovamento di questa anfora abbandonata sulla rena contenente ben ventuno…

Vai all’articolo