Die Sonne Satans: Metaphora

0
Condividi:

Viene finalmente disseppellita dall’oblio un’autentica gemma della scena post industriale esoterica italiana ovvero Metaphora dei Die Sonne Satans, sigla dietro la quale si nasconde Paolo Beltrame. In origine fu pubblicato dalla sempre attenta Old Europa Cafe’ nel 1993 in cassetta. Ora la Annapurna lo rende disponibile sia in formato cd sia, a partire dall’autunno, in vinile. Siamo dalle parti di sonorita’ oscure e tetre: si tratta di un dark-ambient cupo nel solco di quanto stava facendo all’epoca Claudio Dondo con i Runes Order che, non a caso, troviamo come ospite nella splendida e inquietante “Body Snatcher”, la seconda traccia del disco. L’iniziale “The Garden Of Hydra”, con cupi suoni di campane, ci introduce nell’atmosfera nebbiosa e malata di “Metaphora”. Tutto il disco rappresenta una sorta di viaggio simbolico nei meandri di archetipi religiosi perduti. La musica di “Metaphora” ci accompagna ad esplorare antichi saperi che giacciono sepolti nel nostro inconscio mettendoci in contatto con una dimensione oscura che rappresenta un po’ un altro aspetto della realta’. Le atmosfere sono minimali e tenebrose come in “Source” e nella minacciosa “Orbis”. Ancora suoni di campane a morto ci introducono “The Venerable”, evanescente e mistica. La chiusura e’ affidata alla solenne “Advent”. Questa nuova versione di Metaphora e’ poi arricchita dalla presenza di 2 bonus track ormai da tempo introvabili e pubblicate in oscure antologie. Metaphora e’ un disco fondamentale che tutti i seguaci delle uscite italiane di musica ambient industrial non dovrebbero lasciarsi sfuggire. Disponibile su Bandcamp al seguente link: https://annapurnaprod.bandcamp.com/album/die-sonne-satans-metaphora.

 

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.