Palais Ideal: No Signal

0
Condividi:

Non sono attivi da molto i due Palais Ideal, provenienti dalla città olandese di Eindhoven: John Edwards e Richard Van Kruysduk mostrano una solida conoscenza della musica postpunk e new wave nei confronti della quale non possono non ammettersi debitori. Non si tratta comunque di una coppia di novellini: soprattutto Van Kruysduk lo conosciamo infatti da vari progetti di cui ha fatto parte, fra i quali abbastanza noti i Phallus Dei. Il debut album, No Signal, attesta con chiarezza le tendenze del duo: gli strumenti usati sono d’epoca e le atmosfere create sono sicuramente molto vicine agli ’80, anche se l’operazione, bisogna riconoscerlo, è condotta con una certa intelligenza e non dà la sensazione della sterile copiatura. Non è un caso che, delle undici tracce che compongono il disco, due siano cover di ‘lusso’: “Funtime” di Iggy Pop, della quale, in verità, i nostri smorzano un po’ il pathos e “Resistance” dal glorioso Jeopardy dei The Sound, eseguita invece con palese affetto e in modo tutto sommato soddisfacente. Parte delle altre erano comunque contenute in The Future Has Been Cancelled, l’Ep uscito l’anno scorso. E’ il caso dell’opener “Crossfade/Dissolve”, accattivante brano vivacemente ritmato, con il basso in efficace rilievo e il mood decisamente cupo. Subito dopo, “Stellar Mass” è certo uno degli episodi migliori, nell’alternanza fra il canto intenso e carismatico e il refrain che alleggerisce l’atmosfera, mentre la seguente “Deity” opta per suoni più risoluti e aggressivi e “Remains” resta sul piano di un pezzo nel complesso convenzionale. Nulla da eccepire, invece, circa la malinconica “The Book Of Lies”, dominata da una chitarra incisiva e dal pathos della voce. Poi, oltrepassate le sonorità un po’ scontate e anonime di “Seen Missing” ecco il paesaggio ‘superdark’ di “A Black Noise” che strizza l’occhio ai Sisters of Mercy; delle restanti, citiamo solo la conclusiva title track che chiude con uno scenario fosco e appena opprimente un esordio che fa ben sperare.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.