Illuminate: 10 X 10

0
Condividi:

A dieci anni dalla nascita gli Illuminate fanno il conto con la loro carriera raccogliendo in due CD, 10 X 10 in black e 10 X 10 in white , una rielaborazione di vecchi pezzi. La musica? Beh, i brani non sono malvagi ma del tutto banali. E’ il solito sound trito e ritrito che ormai centinaia di bands alle prime armi sfornano senza posa. “Der Torweg” ha perlomeno un ritmo coinvolgente ma “Todesengel” non comunica alcuna vibrazione e le soluzioni (sottofondo epico, candidi corettini di voci femminili) sono … preoccupanti! Nemmeno “Der Liebst mich nicht !” dà soddisfazione, con il suo pianoforte pretenziosamente classicheggiante. Forse va meglio “Die Spieluhr”, con una intro decisamente goticheggiante che però, diluendosi in una ripetitiva continuazione, perde il pathos iniziale banalizzando la buona intuizione originaria, e poi, come al solito, la parte cantata è troppo semplicistica, legata a stilemi ormai consueti al genere. Se questi primi quattro brani, prelevati dal lavoro 10 X 10 in black, non entusiasmano, già con “Blutenstaub”, prima track presa da 10 X 10 in white, sin dalle prime note, si capisce che la solfa non cambia. Insomma, si tratta di dischetti scialbi, senza grandi sussulti, forse onorevoli per una band appena esordiente, con un sound che decisamente rende incomprensibile il seguito che gli Illuminate vantano in terra teutonica.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.