Yeah Yeah Yeahs: Show your bones

0
Condividi:

Ver Sacrum Tra le band di punta del filone nu rock ci sono senz’altro gli Yeah Yeah Yeahs, che già con il cd d’esordio (intitolato Fever to tell) si erano messi molto in evidenza e avevano fatto parlare parecchio di sé. L’eclettismo e la sensualità della carismatica leader Karen O sono sempre stati elementi fondamentali per la riuscita dei pezzi proposti dal gruppo, e posso tranquillamente affermare che le cose non sono affatto cambiate con questo nuovo Show your bones, un disco che deve buona parte della sua bellezza alla performance della talentuosa cantante, che ha tra l’altro fama di essere un vero animale da palcoscenico… Purtroppo non ho mai avuto modo di vedere il trio dal vivo, ma le tracce contenute nell’album dimostrano che Karen è un’artista a tutto tondo, capace di adattare e modificare il proprio stile a seconda dell’esigenza e della situazione. Davvero non so che effetto farebbero queste canzoni se fossero interpretate da qualcun altro (si tratta infatti di brani abbastanza semplici ed essenziali, che fanno riferimento a generi come il rock e la new wave), ma credo che la differenza sarebbe enorme perché la vocalist americana riesce a trasformare in oro tutto ciò che le capita a tiro! Questo infatti è il punto: Show your bones è un lavoro che in realtà non propone nulla di nuovo dal punto di vista strettamente musicale, ma risulta godibilissimo e riesce a catturare l’ascoltatore grazie al dinamismo, alla grinta e alla varietà che lo contraddistinguono. È alquanto difficile non lasciarsi coinvolgere dalla graffiante opener “Gold lion”, ma anche la dolce (e allo stesso tempo aggressiva) “Cheated hearts” è una delle song più convincenti, così come la delirante “Mysteries” (nella quale Karen urla come un’ossessa) e l’ottantiana “Way out” (dove le parti cantate richiamano in più di un’occasione lo stile di Siouxsie Sioux). Si tratta insomma di un disco umorale, capace di trasmettere grande energia e soprattutto di emozionare, tutte caratteristiche che mi portano dritta verso l’unica conclusione possibile, e cioè che questa è una di quelle release da non lasciarsi scappare!!

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.