Nosens: The final step

0
Condividi:

Ver Sacrum Quello di Nosens è, per me, un nome del tutto nuovo; si tratta di un progetto francese il cui unico elemento si qualifica come Manganese Evelyne, già presente in altri progetti (a me altrettanto sconosciuti, a dire il vero) che militano in scene speedcore e hardcore electro. Questo lavoro d’esordio nasce grazie alla collaborazione tra due netlabel, la francese Wildness e la russa Lomeanor, dai cui siti si può scaricare una versione ridotta a sei brani di The final step, mentre la versione completa, che ne contiene nove, è stata presumibilmente autoprodotta e pubblicata in 100 CD-R. Direi che i nove brani che costituiscono l’album possono essere divisi in due parti: i primi cinque in cui prevale un’ispirazione tendenzialmente neoclassica, una sorta di musica da camera contemporanea ed astratta, a tratti prossima al minimalismo, all’interno della quale sono presenti degli sprazzi di elettronica atta ad aggiungere un una certa oscurità di fondo alla miscela sonora. Nella seconda parte, invece, si aggiungono chitarre elettrificate e, a tratti, si fanno strada ritmiche più marziali che, spersonalizzano un po’ i brani, spingendo i Nosens in prossimità della scena a metà strada tra il neofolk marziale e la dark ambient di ispirazione classicheggiante. Nel complesso si tratta di un disco che contiene brani e spunti interessanti anche se sembra ancora essere alla ricerca di un’anima propria; in ogni caso, consiglio caldamente l’ascolto almeno della versione ridotta, visto che la si può scaricare gratuitamente (ma occhio al sito della Lomeanor: quando mi sono collegato era pieno di malware!), tenendo in considerazione, per l’eventuale acquisto, che i tre brani mancanti sono nello stile marziale di “Blue Beam” più che in quello cameristico degli altri cinque.

TagsNosens
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.