Cephalgy: Leid statt liebe

0
Condividi:

E’ con sprezzo del ridicolo che l’Out of Line pubblica Leid statt liebe , nuovo album dei Cephalgy. Il trio teutonico è già al quarto album e questo la dice lunga sulla piega che ha preso una certa frangia della scena elettro-dark; si potrebbe liquidare la faccenda con la solita considerazione sul fatto che in Germania c’è spazio e gloria un po’ per tutti, ma qui siamo veramente a livelli di mediocrità notevoli (solo la quasi totalità del catalogo Echozone è peggio) e questa release si allinea con la parabola francamente mediocre dell’Out of Line, label che da qualche tempo punta più sull’ ampliamento del proprio catalogo che non sul suo livello qualitativo. Leid statt liebe ci propone tredici tracce di elettro-dark (rigorosamente con testi in tedesco) di livello decisamente mediocre, senza alcun sussulto e senza distaccarsi da quanto proposto dai Cephalgy nei loro precedenti lavori. La band continua a cercare di emulare i Blutengel, ma anche il non trascendentale progetto di Chris Pohl pare un gigante rispetto alla piattezza del sound dei Cephalgy. Consigliabile solo ai masochisti ed a chi si esalta per qualunque cosa “made in Germany”.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.