Monolake: Ghosts

0
Condividi:

Monolake è il progetto che fa capo a Robert Henke, da tempo esperto e sperimentatore di musica elettronica, tanto da essere stato spesso paragonato a Brian Eno. Il suo ultimo album Ghosts, autoprodotto grazie alla sua etichetta, segue il precedente Silence, a suo tempo accolto discretamente dalla critica. Inutile precisare che anche questo lavoro è destinato agli amanti di un genere di musica specifico che, a tutti gli altri, può tuttavia apparire freddo e tecnologico per quanto offra anche momenti legati all’ambient o all’industrial di una certa suggestione. Di grande interesse per gli appassionati, peraltro, risultano inoltre le video-installazioni di cui egli fa solitamente uso insieme alla musica allo scopo di fornire una ‘lettura’ globale del mondo circostante: alla base di questo approccio vi è, naturalmente una cultura che si nutre in modo pregnante di materie scientifiche come fisica, matematica e l’uso dei computer. Questo è un modo complesso ed affascinante di intendere l’espressività musicale ma va da sé che un ascolto di questo tipo richiede preparazione e l’abitudine ad una sfera armonica apparentemente non legata alla realtà bensì all’ambito del virtuale e del ‘robotico’. La title track, che apre il disco, è uno dei brani più accessibili, anche se la presenza di una voce molto poco ‘umana’ – quella dello stesso Henke! – che si inserisce sulla base ritmica già di per sé concitata sembra destinata a favorire l’ansia. Altri episodi gradevoli “Hitting the Surface”, che equilibra suoni e rumori quasi ‘industrial’ con un intermezzo vocale alquanto ipnotico e “The Existence of Time”, anch’essa industriale e tecnologica, con una ritmica vagamente inquietante. Per il resto, si alternano passi palesemente monotoni ad altri sperimentali più sorprendenti; chiaramente ci troviamo in un mondo a parte, che se per qualcuno può rappresentare un’esperienza ricca ed interessante, per altri, invece sarà un tormento per le orecchie

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.