Den Sorte Død (“La Morte Nera” in danese) è un duo danese-svedese nato nel 2016 grazie all’unione di Offermose e Angst, 2 progetti che non dovrebbero essere sconosciuti agli amanti dell’elettronica oscura. E in effetti, nel loro nuovo album intitolato Depressiv Magi (si tratta del quarto), la musica raggiunge vette di tristezza cosmica infinite e descrive “la magia depressiva di un cosmo che piange”. L’immagine raffigurata in copertina è cosmica all’ennesima potenza e fa viaggiare la mente verso galassie sconosciute e introduce le atmosfere che ascolteremo nel disco. Indubbiamente traspare la grande influenza della Berlin School e, in particolare, quella del compianto maestro Klaus Schulze. In particolare vengono in mente dischi epocali degli anni ‘70 come Picture Music, Timewind e Black Dance. Le sonorità risentono anche della lezione Dungeon Synth di un nome come Mortiis e affondano le loro radici nella scuola anni ‘90 della Cold Meat Industry. Le ambientazioni sono glaciali e ci accompagnano in un viaggio al di là del tempo e dello spazio verso la scoperta di nuovi pianeti in cui non troveremo nulla di rassicurante ma probabilmente solo eterno dolore. La musica è pacata e rilassata ma traspare costantemente in superficie una tensione sotterranea inquietante. Quella di Den Sorte Død è una visione della vita a tinte fosche simile (sia filosoficamente ma anche esteticamente), per certi versi, a quella di un progetto italiano come quello di Lyke Wake di Stefano Di Serio. Siamo di fronte ad una sorta di sinfonia cosmica cupa e magniloquente che ci svela la faccia nascosta del Cosmo. Potrebbe essere la colonna sonora perfetta per un film di fantascienza distopico. Depressiv Magi esce per la Cyclic Law e credo piacerà a tutti gli amanti del dark-ambient, del Dungeon Synth e della cosmica tedesca. Disponibile su Bandcamp: https://densortedoed.bandcamp.com/album/depressiv-magi.