Detune-X: Burnow!

0
Condividi:

Ver Sacrum Primo CD per la neonata etichetta Rustblade, nata dalle ceneri della label italiana KarnaK, la “casa madre” di Bahntier, Kunt e Chaos/Order. I Detune-X ci propongono una potentissima miscela di harsh-electro, che mescola i suoni aspri della power electronics ai ritmi incessanti e ipnotici della hard-trance. Il CD contiene nove pezzi caratterizzati da ritmi al fulmicotone e suoni asprissimi, in una costruzione che seppur ostica è perfetta per le danze. Nonostante i dance-floor più industrial-oriented siano il target deputato per Burnow! (e per industrial non intendo i Melotron…) è evidente nei suoi brani un buon lavoro di ricerca sonora, che emerge oltre il rumore bianco che investe l’ascoltatore: questo è maggiormente evidente in una canzone meno violento come “Lordtubes”. E’ comunque vero che si tratta di un lavoro più viscerale che mentale, e questo è al contempo la sua forza e il suo limite: la sua forza perché come già detto Burnow! riesce pienamente nell’intento di far ballare; il suo limite perché l’ascolto intero del CD finisce inevitabilmente per annoiare un po’, data anche la lunghezza sopra la media di molti brani. Il pezzo “Monocurve” spezza invece l’atmosfera complessiva del CD, proponendo delle atmosfere oscure e inquietanti, in linea con certo ambient industrial. Burnow! è quindi un album interessante e non dovrebbe deludere gli amanti del trance industrial delle formazioni Ant-Zen.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.