Melotron: Sternenstaub

0
Condividi:

Ver Sacrum Dopo il bellissimo “Weltfrieden” i Melotron ci offrono un altro ottimo disco e si confermano come la piu’ grande “synth-pop” band del mondo ! Questi ragazzi tedeschi sono autori di canzoni bellissime, melodiche, ballabili e malinconiche che fondono gli stilemi della migliore wave con la modernità dell’EBM; innegabilmente “pronipoti” dei Depeche Mode, si stagliano comunque nettamente dall’ingombrante ombra della storica band inglese e da quella delle miriadi di bands che ai Depeche si ispirano piu’ o meno palesemente ; i Melotron non sono patetici cloni, ma hanno classe da vendere e lo stanno dimostrando disco dopo disco. “Sternenstaub” non tocca forse le vette del sublime “Weltfrieden” (disco praticamente perfetto), ma è comunque un lavoro pregevolissimo nella sua globalità, con la consueta manciata di potenziali singoli uno piu’ bello dell’altro. Il primo brano ad essere estratto dall’album è stato l’ottimo “Kein problem” (con il consueto e meritato successo nelle charts tedesche), le prossime gemme rispondono al nome di “Der Anfang”, (maestosa apertura dell’album), “Wuensch mich nich zurueck” (il brano che i Wolfsheim pagherebbero per riuscire a comporre) , “Erwartung” (uno dei brani che strizza maggiormente l’occhio all’EBM), “Der Kosmonaut” (che sembra trasportarci realmente a spasso per lo spazio), tanto per citare solo alcuni brani di un disco che si apprezza sempre di piu’ dopo ogni ascolto e che farà la gioia non solo dei fedelissimi della band tedesca, ma di chiunque ami il “synth – pop” fatto come si deve. Ritmo, melodia, una bella voce (brani tutti rigorosamente in tedesco come sempre) : gli ingredienti per l’ennesimo successo ci sono tutti…. speriamo che anche il pubblico italiano si svegli e segua i Melotron con l’interesse che meritano.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.