Psyclon Nine: INRI

0
Condividi:

Ver Sacrum La nuova perversa creatura degli americani Psyclon Nine vede finalmente la luce, concretizzandosi in dodici tracce (oltre alla cover di “You know what you are” dei loro padrini Ministry) di efferato elettro-dark. I suoni di “INRI” sono violenti, oscuri, urticanti, recando inoltre sulla loro pelle purulente piaghe provocate da scudisciate del più glaciale black metal; non mancano comunque episodiche ma significative deviazioni dal tema principale, come nella disturbante marcia funebre titolata “The unfortunate”, solenne discesa nelle tenebre della perdizione, come le tematiche religiose sostenenti il concetto lirico di “INRI” pretendono o come nel salmo sacrilego “Requiem for the Christian Era”. Chitarre pesanti e metalliche squassano “The feeding”, traccia manifestante abnorme cattiveria, per il resto è l’elettro imbastardita dall’industrial a dominare feroce. Su tutto grava un plumbeo senso d’ossessione, generato da beats maligni e da vocals raggelanti, ergendo ner0 a protagonista del disco. Senza peraltro tacere il gran lavoro di Josef Heresy e di Eric Gottesman, compatti nei loro ruoli di creatori di un sound malefico, come viene ulteriormente evidenziato dalla splendida resa della citata “You know what you are”. Grande disco, destinato a stazionare a lungo nelle chart alternative!

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.