Absurd Minds: Noumenon

0
Condividi:

Ver Sacrum Quarto album per gli Absurd Minds, trio tedesco che sin dagli esordi (il primo album, “Deception”, è del 2000) si è caratterizzato per uno stile musicale assai simile a quello dei Project Pitchfork; tale accostamento era (ed è) legittimato sopratutto dalla voce, che ricorda molto quella di Peter Spilles. “Noumenon” si muove quindi lungo le coordinate tipiche della band di Dresda, ovvero brani elettro-dark di impatto immediato, melodie semplici e godibili che si fanno apprezzare sin dal primo ascolto, ma che d’altro canto non lasciano nemmeno un grande impatto sull’ascoltatore una volta che si è tolto il cd dal lettore. 14 tracce (disponibile anche una “limited edition” di 2000 copie, contenente un secondo cd che ospita 5 remix esclusivi) di discreta fattura, ma anche piuttosto simili tra loro che evidenziano sopratutto il fatto che gli Absurd Minds dal 2000 ad oggi non abbiano praticamente fatto passi in avanti, continuando a limitarsi a restare nel limbo popolato da decine di bands che per il momento possono solo ambire al salto di qualità. Ci risentiamo al prossimo album.

Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.