Ver Sacrum Fa le cose in grande Johan Van Roy, per celebrare i vent’anni di esistenza del progetto Suicide Commando, band che, come la Settimana Enigmistica, vanta innumerevoli tentativi d’imitazione (si veda la quasi totalità dei gruppi del filone harsh-elettro). “X20” è un box che contiene ben 4 dischetti (un dvd e 3 cd audio) ed un booklet con foto e passaggi principali della carriera dell’artista belga. Il dvd, realizzato in maniera assai professionale, per quanto riguarda riprese, montaggio e post-produzione, immortala il concerto tenuto lo scorso 20 Ottobre a Dresda, all’interno del tour che supportava l’album “Bind Torture Kill”: performance come al solito assai energica da parte di Johan (accompagnato alle tastiere dalla sua compagna Tanja e da Torben Schmidt, oltre che da un batterista) con scaletta ovviamente imperniata sull’ultimo album; ad arricchire il tutto, altri due brani (“Evildoer” e “Sterbehilfe”) registrati nel corso dello Zillo 2004 (posso dire: “Io c’ero”!), ed uno allo Stubnitz (Copenhagen settembre 2006) ed il videoclip del brano “We are the sinners”. La parte audio, come detto, si articola su tre cd: il primo è un immancabile “best of”, per mettere a fuoco la galleria dei principali hits del progetto belga. Largo quindi ad “Hellraiser”, “See you in hell”, “Cause of death:suicide”, “Love breeds suicide”, “Save me”, ecc…. A dare un pizzico d’interesse a questo cd (che per chi possiede la discografia completa di Suicide Commando, come il sottoscritto, potrebbe risultare ovviamente non imprescindibile) ecco tre brani (“Murder”, “Bind Torture Kill” e “One nation under god”) presenti in versioni sin’ora inedite. Il secondo dischetto vede invece altri artisti alle prese con i brani di Johan Van Roy per remix che alternano cose interessanti ad altre francamente meno riuscite; tra i nomi che scendono in campo, troviamo S.I.T.D., Grendel, Covenant, Wumpscut, Spetsnaz, ecc… Citazione particolare per il conclusivo remix di “Love breeds suicide” ad opera di tale Anthoni J.: una struggente versione per voce e pianoforte, distante anni luce dalla versione originale. Il terzo cd che completa questo ricco box è il cd-single del brano “F*** you bitch” (nonostante la mia passione per Suicide Commando, devo dire che si tratta forse del pezzo piu’ “burino” della sua discografia!); tre versioni di questo pezzo, a firma di Soman, Combichrist e Suicide Commando stesso. Completano la tracklist di questo cd un nuovo remix di “Body count proceed” sempre a cura di Suicide Commando e l’inedita “Retrace”. Box imperdibile (sopratutto per via del dvd) per tutti i fans della creatura di Johan Van Roy…Nonostante da piu’ parti lo si “accusi” di fare da anni lo stesso disco, io mi levo ancora il cappello davanti al progetto belga. Buon compleanno, Suicide Commando!