XP8: Forgive

0
Condividi:

Ver Sacrum Se c’è una speranza per l’EBM italiana, questa arriva da Roma e si incarna nel primo cd degli XP8. Il loro Forgive va a colmare un vuoto nel panorama musicale “alternativo” italiano; una scena che si puo’ fregiare di un numero sempre crescente di bands di valore nei vari generi musicali che la compongono (penso specialmente al neo-folk, dove le proposte di qualità abbondano), ma che aveva proprio nel genere EBM il suo tallone d’Achille (fatto salvo l’ultimo cd dei Pulcher Femina, forse non prettamente EBM, ma decisamente piu’ elettro-dance rispetto al lavoro precedente). Gli XP8 ci offrono invece una piacevole sorpresa, con un disco fresco, gradevole e con una buona dose di personalita’, tanto che sarebbe ingeneroso tacciarli di essere “cloni” di qualche band in particolare, pur essendo innegabile e naturale, l’influenza che abbia avuto su di loro quanto prodotto in campo elettro-EBM in Europa ed America nel corso di questi ultimi anni. Visto che e’ pressoche’ inevitabile non citare qualche band di riferimento (almeno per dare un’idea al lettore che non abbia ancora ascoltato il disco), citerei Assemblage 23, Icon of Coil ed Hocico (questi ultimi in versione “non incazzata” e con una bella voce) come termini di riferimento primari. Diversi i brani che potrebbero ambire (legittimamente) ad entrare nella play-list di qualche dj: le mie preferenze dopo i primi ascolti vanno a “Forgive”, “Wet Dream” e She says” (quest’ultima presente anche in una versione remixata da Assemblage 23…. e scusate se e’ poco!!). La traccia che preferisco su tutte e’ pero’ “Our scars” dove il numero dei BPM scende e prevale la linea melodica e dove la voce mi ha ricordato molto alcuni brani dei New Order! Ribadisco che si tratta di un disco piu’ che buono, che sicuramente non ha nulla da invidiare a certi sopravvalutati progetti stranieri; spero che anche per gli XP8 non debba valere il detto “Nemo propheta in patria”.

TagsXP8
Condividi:

Lascia un commento

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.